Gebher News - Gebher

cool

Adblock Rilevato

Il nostro Sito si mantiene grazie ai ricavi pubblicitari, per favore Disattiva AdBlock per proseguire la navigazione.

Continua
Vai ai contenuti

I preservativi vegani mantengono la vita sessuale sicura e sostenibile

Gebher
Pubblicato da in Worklife · 8 Gennaio 2020
La tua vita sessuale può essere più sostenibile? Questi imprenditori tedeschi la pensano così - e lo hanno trasformato in un marchio di preservativi vegani in un'attività multimilionaria per dimostrarlo.

Nel 2015, Philip Siefer e Waldemar Zeiler erano nel mezzo del crowdfunding della loro nuova impresa commerciale. "Continuavamo a sentire la stessa domanda da parte di persone che donavano denaro", afferma Siefer. “I preservativi sono vegani? Non ci siamo nemmeno resi conto che i preservativi di solito contengono una proteina animale per rendere il lattice più morbido. "
Gli imprenditori di Berlino stavano cercando di catturare una fetta del mercato globale del preservativo da $ 8 miliardi facendo appello a clienti attenti all'eco. Con loro sorpresa, questo gruppo di consumatori è straordinariamente grande - e dopo quattro anni, il loro marchio di prodotti per l'igiene vegana e sostenibile registra un fatturato annuo di circa 5 milioni di euro.
La loro compagnia, Einhorn, significa unicorno in tedesco. A parte le immagini, gli imprenditori affermano che in realtà è un gioco sul termine usato per descrivere giganti di start-up da $ 1 miliardo come Airbnb e Deliveroo. Mentre Siefer e Zeiler non fanno ancora parte del club di tre virgole, lo sviluppo della sostenibilità nel nocciolo della loro attività ha avuto successo e non solo perché è popolare tra i consumatori. Piuttosto, la creazione di valori sostenibili nel loro marchio ha aperto le porte alla comunità imprenditoriale a cui altrimenti sarebbe stato più difficile accedere.


Non contiene prodotti di origine animale
I preservativi sono la seconda forma di contraccezione preferita dalla Germania, dopo la pillola, ma è stato durante lo shopping con la sua ragazza che Siefer è stato colpito da quanto sembrava obsoleto il marchio. Sentiva che i consumatori di oggi potrebbero abbracciare una nuova alternativa ecologica e, dopo aver inizialmente respinto l'idea, Zeiler è saltato a bordo, ritenendo il prodotto ideale per l'e-commerce. La coppia voleva creare un business equo e sostenibile, non solo per il pianeta ma anche per i suoi lavoratori.


Einhorn ha sostituito la caseina - una proteina presente nel latte dei mammiferi che viene utilizzata per ammorbidire il lattice nei preservativi - con un lubrificante naturale a base vegetale (Credit: www.einhorn.my)


Dopo un decennio nella scena iniziale, stavano cercando una via d'uscita dal sogno capitalista. "Se mi avessi chiesto da bambino cosa avrei voluto essere da grande, avrei detto 'un milionario'", afferma Siefer. "Ma dopo 10 anni come imprenditore, stavo vedendo colleghi e amici intorno a me che guadagnavano il loro milione, ma non ero ancora felice."
Per iniziare, hanno lanciato una campagna di crowdfunding che ha raccolto € 100.000 ($ 111.000, £ 84.400) ed è stato a quel punto che il veganismo è diventato parte della pianificazione dei prodotti di Einhorn.

"Volevamo creare un prodotto che fosse facile da vendere e spedire online, e qualcosa in cui non avremmo dovuto affrontare i resi, poiché è uno dei maggiori costi per le vendite online", afferma Siefer. “Quindi i preservativi erano il prodotto perfetto. Non avevamo nemmeno considerato se sarebbero stati vegani o meno. "

Mentre i giorni in cui i preservativi venivano prodotti dall'intestino di agnello potrebbero essere in gran parte finiti, la maggior parte delle opzioni sugli scaffali di oggi contengono ancora la caseina proteica animale. L'ingrediente chiave dei preservativi, ovviamente, è il lattice, una linfa lattiginosa naturale che viene estratta dagli alberi della gomma, coltivata principalmente nelle regioni tropicali dell'Asia. Le proteine ​​della caseina, ampiamente presenti nel latte dei mammiferi, vengono utilizzate per ammorbidire il lattice.

''Mentre i giorni in cui i preservativi erano fatti con intestini di agnello potrebbero essere in gran parte finiti, la maggior parte delle opzioni sugli scaffali di oggi contengono ancora la caseina proteica animale."

Ma Einhorn lascia fuori le proteine ​​della caseina, optando invece per un lubrificante naturale a base vegetale. Si prende anche cura di ottenere il suo lattice nel modo più ecologico possibile.
Einhorn non è stato il primo a creare un preservativo sostenibile o vegano. Il marchio nordamericano Glyde ha ripreso quel titolo nel 2013. Da allora un numero crescente di alternative sostenibili ha colpito gli scaffali sperando di fare un'ammaccatura nel mercato globale del preservativo, che entro il 2026 avrà un valore di $ 15 miliardi .
Mentre il mercato è ancora relativamente nuovo, Einhorn ha scoperto che la maggior parte dei consumatori ha un'età compresa tra 20 e 40 anni, con il 60% degli acquisti effettuati da donne.
“Troppe persone si sentono ancora in imbarazzo per l'acquisto di prodotti come i preservativi e finiscono per nasconderli sotto il resto dei loro acquisti. Quindi volevamo raggiungere i consumatori consapevoli con un prodotto sostenibile, eliminando allo stesso tempo questo tabù con i nostri design divertenti ", afferma Siefer.


'Fairstainable'
La rapida espansione delle piantagioni di monocoltura su gomma naturale su larga scala negli ultimi 30 anni ha portato alla deforestazione , che ha avuto un impatto sugli habitat naturali della fauna selvatica . Per combattere questo, Einhorn si è allontanato dalle piantagioni tradizionali e invece lavora a stretto contatto con un gruppo di piccoli proprietari in Tailandia.

Questi agricoltori evitano i pesticidi ove possibile, optando invece per rimuovere le erbacce con uno strumento. L'obiettivo è quello di un giorno farm completamente privo di sostanze chimiche. Sono anche in corso prove sul territorio per determinare quali specie di piante locali promuoveranno la biodiversità.

"I ricercatori affermano che, sebbene un passo nella giusta direzione, l'impatto di prodotti di nicchia come i preservativi vegani sull'ambiente è limitato" (Credit: Kate Brady)

Gli studi hanno rivelato seri problemi legati alle condizioni di lavoro in alcune piantagioni di gomma, quindi un membro del team di "fairstainability" di Einhorn punta a essere sul posto per aiutare a supervisionare la produzione per almeno tre mesi all'anno. Gli agricoltori sono pagati il ​​15% in più rispetto al salario minimo e attualmente sono in corso progetti per informare meglio i lavoratori sui loro diritti.
L'imballaggio sostenibile rimane un lavoro in corso. Mentre l'imballaggio originale dell'azienda è stato sostituito con carta riciclabile al 100%, il passo successivo è creare involucri individuali più sostenibili senza alluminio.


Impegnarsi per il pianeta
Einhorn spera di vedere il suo concetto sostenibile applicato ad altre imprese. Un modo potrebbe essere attraverso il loro " impegno dell'imprenditore" , che hanno firmato quando hanno fondato l'azienda.
Ispirato da The Giving Pledge, lanciato da Bill Gates e Warren Buffett nel 2010, l'impegno obbliga Einhorn a investire il 50% dei suoi profitti in progetti sostenibili. Nel 2018, ad esempio, ha investito il 10% dei suoi profitti in compensazioni di CO2, che finanziano progetti che riducono le emissioni di gas a effetto serra, come il ripristino delle foreste. Altri beneficiari includono la fondazione bioRe che promuove l'agricoltura biologica sostenibile del cotone.
Da allora, circa 100 altri imprenditori hanno sottoscritto l'impegno e questo ha sicuramente favorito l'attività di Einhorn. La sua grande svolta è arrivata quando ha siglato un accordo con il gigante tedesco dei prodotti da bagno e per la casa DM.

"Quando abbiamo detto a DM quali fossero i nostri prezzi di acquisto e di vendita al dettaglio, non erano convinti", afferma Siefer. Mentre i profilattici Einhorn sono venduti al dettaglio a circa € 6 per un pacchetto di sette preservativi, i giganti del settore vendono confezioni da otto per circa € 5. "Ma poi abbiamo spiegato che avremmo reinvestito il 50% dei profitti", ricorda. "'Quindi ogni centesimo che ci prendi ora,' abbiamo detto, 'lo toglierai da una buona causa.'”
DM ha fatto il grande passo e ha offerto a Einhorn una piattaforma nel tradizionale mercato al dettaglio tedesco. Sebastian Bayer, amministratore delegato della divisione marketing e procurement di DM, afferma che i clienti sono sempre più preoccupati per la sostenibilità, "quindi vogliamo offrire alternative di prodotto sostenibili".

"Questi prodotti di nicchia più piccoli sono buoni ma dobbiamo davvero concentrarci su aree come la mobilità e l'energia in casa che hanno il maggiore impatto sulle emissioni di CO2" - Anna Sundermann

I prodotti verdi sono sicuramente un'area in crescita; secondo l' agenzia tedesca per l' ambiente , i consumatori tedeschi hanno speso circa 60 miliardi di euro in "prodotti verdi" nel 2016 e la tendenza dovrebbe continuare.
Tuttavia, Anna Sundermann, ricercatrice di ricerca ambientale presso l'Università di Leuphana Lüneburg, afferma che mentre prodotti come i preservativi Einhorn dovrebbero essere accolti nel mercato sostenibile, il loro potenziale effetto a lungo termine sull'ambiente è limitato.

I fondatori di Einhorn Philip Siefer e Waldemar Zeiler hanno utilizzato il loro "impegno di Entreprenuer" per investire il 50% dei profitti in progetti sostenibili (Credit: Robert Wunsch)

"Questi prodotti di nicchia più piccoli sono buoni ma dobbiamo davvero concentrarci su aree come la mobilità e l'energia in casa che hanno il maggiore impatto sulle emissioni di CO2", afferma Sunderman. Detto questo, ritiene che le alternative più sostenibili ci siano ai prodotti convenzionali, meglio è. "Reti di aziende come Einhorn possono fare la differenza nell'affrontare problemi sistemici come la catena di approvvigionamento sostenibile globale", aggiunge.


Nuovi prodotti, nuove iniziative
Oggi il concetto sostenibile di Einhorn sta facendo progressi: l'anno scorso l'azienda ha venduto oltre 4,5 milioni di preservativi individuali. Ha anche lanciato la propria gamma di prodotti d'epoca realizzati al 100% in cotone organico all'inizio del 2019. "Dobbiamo ancora pizzicarci per renderci conto che sta ancora andando forte", afferma Siefer.

Con un grande evento in programma all'Olympiastadion di Berlino nell'estate 2020, la prossima impresa della società è quella di portare il suo concetto equo e sostenibile nella politica tedesca. Nel corso di un evento di una giornata che ha coinvolto circa 60.000 persone, Einhorn ha in programma di presentare al Parlamento tedesco molteplici petizioni elettroniche incentrate sulla politica in materia di cambiamenti climatici e sulla parità di genere.

Nel frattempo, tuttavia, Siefer e Zeiler intendono cedere le loro quote in Einhorn. Alla fine di quest'anno, doneranno le azioni alla società stessa, il che significa che non potrà mai essere venduto, preservando i suoi valori fondanti sostenibili: economicamente, ecologicamente e socialmente.



Nessun commento
Torna ai contenuti