Gebher News - Gebher

cool

Adblock Rilevato

Il nostro Sito si mantiene grazie ai ricavi pubblicitari, per favore Disattiva AdBlock per proseguire la navigazione.

Continua
Vai ai contenuti

I corvi potrebbero essere l'animale più intelligente oltre ai primati

Gebher
Pubblicato da in Futuro · 14 Dicembre 2019
Tags: FaunaSelvatica
I corvi sono stati a lungo considerati astuti. Ma la loro intelligenza potrebbe essere molto più avanzata di quanto avessimo mai pensato possibile.

Il corvo si chiamava Betty. Ed era sulla buona strada per la celebrità. Un gruppo di scienziati dell'Università di Oxford lo guardò meravigliato mentre prendeva casualmente un pezzo di filo nella sua gabbia e poi usava un oggetto vicino per piegarlo a un'estremità, trasformando il filo in uno strumento ad uncino. Questo strumento ha permesso a Betty di sollevare un piccolo contenitore di carne - delizioso cuore di maiale - dall'interno di un tubo di plastica. Il pranzo è stato servito.
All'epoca, nel 2002, l'impresa di Betty era fonte di stupore. In che modo questo corvo ha risolto un problema così complesso così spontaneamente? Suggeriva acrobazie mentali simili alle nostre. Questo, leggono i titoli, era un corvo incredibilmente intelligente .
Solo che Betty non era così speciale come alcuni pensavano inizialmente. Molti anni dopo, la ricerca ha dimostrato che i corvi della Nuova Caledonia sono abituali strumenti di piegatura. In natura, lo fanno sempre. Gli osservatori erano stati inizialmente sorpresi dal comportamento di Betty perché sembrava che avesse escogitato il design per il suo strumento ad uncino al volo. Come un ingegnere che inventa una nuova macchina. In realtà, i nuovi caledoniani si sono evoluti per creare strumenti uncinati da ramoscelli morbidi come parte della loro normale attività di foraggiamento .
Fu meno un momento di genio - e più un'espressione della sua natura.

"Non voglio minimizzare le sue capacità cognitive", afferma Christian Rutz all'Università di St Andrews. "Per lo meno, ci costringe a rivalutare quanto il comportamento di Betty fosse penetrante."
I corvi della Nuova Caledonia appartengono alla corvida famiglia di uccelli , così come taccole, corvi, ghiandaie, gazze e corvi. Negli ultimi anni, il cervello di questi uccelli è stato studiato sempre più da vicino. Non vi è dubbio che alcuni di essi mostrino abilità cognitive impressionanti. Ma l'intelligenza è un argomento oscuro. Che cos'è esattamente, in primo luogo? E perché si è evoluto?

I corvidi ci stanno aiutando a rispondere a queste domande.


Il corvo del New Caledonian utilizza ramoscelli e rami per estrarre larve e insetti dall'interno degli alberi (Credit: Alamy)


L'intelligenza è radicata nel cervello. I primati intelligenti - compresi gli umani - hanno una struttura particolare nel loro cervello chiamata neocorteccia. Si pensa che ciò aiuti a rendere possibile la cognizione avanzata. I corvidi, in particolare, non hanno questa struttura . Si sono invece evoluti grappoli densi di neuroni che offrono loro simili capacità mentali.
Il tipo specifico di cervello che hanno davvero non ha importanza: i corvidi e i primati condividono alcune delle stesse capacità di base in termini di risoluzione dei problemi e plasticità, o di essere in grado di adattarsi e cambiare di fronte a nuove informazioni ed esperienze. Questo è un esempio di evoluzione convergente, in cui storie evolutive completamente diverse hanno portato alla stessa caratteristica o comportamento.
È facile per gli umani capire perché le cose che i corvidi possono fare sono utili. Da identificare le persone che hanno già poste una minaccia per loro o gli altri nel loro gruppo per utilizzare i gesti per la comunicazione - anche noi affidamento sulle capacità come questi.

Rutz è inequivocabile. Alcuni uccelli, come i corvi della Nuova Caledonia, che studia, possono fare cose straordinarie. In un articolo pubblicato all'inizio di quest'anno , lui ei suoi co-autori hanno descritto come i nuovi caledoniani cercano un tipo specifico di pianta derivante da cui ricavare i loro attrezzi uncinati. Gli esperimenti hanno dimostrato che i corvi hanno trovato gli steli che desideravano anche quando erano stati mascherati da foglie di una diversa specie vegetale. Ciò ha suggerito che gli uccelli stavano selezionando un tipo di materiale per i loro strumenti che sapevano essere giusto per il lavoro. Non useresti una chiave inglese per martellare un chiodo, vero?

"La classificazione dell'intelligenza degli animali sembra un esercizio sempre più inutile se si considera la cosa veramente importante: quanto bene quell'animale si adatta alla sua nicchia."

In natura, i nuovi caledoniani usano i loro strumenti per scavare insetti da buchi, ad esempio nei tronchi degli alberi. Il filmato di questo comportamento è stato catturato dalla fotocamera .

Potresti pensare che alcuni animali siano più intelligenti di altri - con gli umani in cima al proverbiale albero. Certamente, gli umani si affidano eccessivamente all'intelligenza per cavarsela. Ma ciò non significa che siamo i migliori in ogni compito mentale. Gli scimpanzé, osserva Dakota McCoy alla Harvard University , hanno dimostrato di possedere ricordi a breve termine migliori degli umani . Questo potrebbe aiutarli a memorizzare dove si trova il cibo nel baldacchino della foresta, per esempio.

La classificazione dell'intelligenza degli animali sembra un esercizio sempre più inutile se si considera la cosa veramente importante: quanto bene quell'animale si adatta alla sua nicchia . L'intelligenza è innanzitutto un mezzo per la specializzazione.

Come dice Rutz, l'analisi dell'intelligenza dei corvi "non può essere separata dalla storia naturale dell'animale". E i nuovi caledoniani sono tutt'altro che le uniche specie non umane ad aver sviluppato la capacità di usare gli strumenti. L'elenco di altri animali che condividono questo tratto include scimpanzé, pappagalli, alligatori e persino granchi.


Mentre la cognizione può aiutare una creatura a fare le cose necessarie per sopravvivere nel proprio ambiente, altri animali possono cavarsela con altri mezzi. Laddove un corvo usa abilità e strumenti mentali per accedere al cibo difficile da raggiungere, una giraffa allunga semplicemente il collo lungo. Gli ingranaggi intelligenti hanno solo un altro strumento dal toolbox di Evolution.

Detto questo, gli animali "intelligenti" possono talvolta svolgere compiti oltre a quelli strettamente richiesti dalla natura.
Questo sembra minimizzare l'umile demo dello strumento uncinato di Betty. Ora è stato dimostrato che un corvo applica le sue capacità cognitive alla risoluzione avanzata dei problemi. È una situazione che l'uccello non incontrerebbe mai in natura, ma eccelle comunque. È vero, 007 aveva già imparato come funzionavano i singoli passaggi, ma risolverli in sequenza rappresenta una sfida ancora più grande. È un suggerimento che questo uccello può pianificare in una certa misura in anticipo. Probabilmente ci sono molte altre cose affascinanti che 007 e i suoi compagni corvi possono fare, non abbiamo ancora testato per loro.

La cognizione apre una porta al comportamento che non è necessariamente essenziale per la sopravvivenza
McCoy, come Rutz, studia anche i corvi della Nuova Caledonia. In un articolo pubblicato quest'anno , lei e i colleghi hanno descritto un esperimento progettato per dimostrare se l'umore degli uccelli fosse influenzato dall'uso degli strumenti. I nuovi caledoniani furono addestrati a riconoscere che una scatola a un'estremità di un tavolo conteneva più cibo di una scatola all'estremità opposta. Quindi, ai corvi è stata presentata una scatola al centro del tavolo - suggerendo un'incerta quantità di carne all'interno.

Gli uccelli che avevano recentemente utilizzato strumenti per recuperare il cibo da un contenitore si sono avvicinati alla scatola misteriosa più rapidamente di quelli che non avevano utilizzato strumenti. Ciò ha indicato che l'uso degli strumenti ha reso i corvi più ottimisti, afferma McCoy.
Questo non vuol dire che fossero necessariamente "felici", aggiunge - ma suggerisce una relazione positiva tra uso e aspettativa dello strumento.
La cognizione, dice McCoy, può essere divertente. Apre una porta a comportamenti che non sono necessariamente essenziali per la sopravvivenza.



I corvi, infatti, potrebbero essere come noi non tanto perché sono intelligenti (e lo siamo anche noi) ma piuttosto perché a volte impegnano la loro intelligenza semplicemente per divertimento - e anche noi.

I corvi studi McCoy hanno una naturale curiosità, dice. Prendono sfacciatamente attrezzature scientifiche e volano via con loro in voliera. Soprattutto i giovani uccelli, dice, amano giocare. Gli umani non sono così diversi, sostiene: "Abbiamo questi cervelli incredibilmente enormi ma li usiamo per fare cruciverba - non è qualcosa per cui è stato evolutivamente selezionato."

Si potrebbe sostenere che ci sono benefici utilitaristici in questo sforzo mentale. Mantiene la mente acuta, rafforza le proprie capacità - tutto il più adatto a sopravvivere. Ma se c'è piacere o se ha effetti inaspettati, si potrebbe anche dire che tale attività è solo una parte di ciò che rende la vita colorata. I corvi della Nuova Caledonia, come noi e altri animali intelligenti, hanno stati d'animo e ricordi. Strategie e aspettative. Sembrano straordinariamente in grado di interagire con la complessità.

L'evoluzione ha reso questo possibile. Ma la cognizione, come la vita stessa, serve più di un semplice bisogno. L'intelligenza animale consente l'insorgere di tutti i tipi di fenomeni affascinanti. Un gorilla che riconosce il linguaggio umano . Un corvo che risolve enigmi. Un pappagallo che racconta barzellette.

La natura ha fornito le note, ma il cervello degli animali produce la musica. La mente, come si suol dire, è l'unico limite.



Nessun commento
Torna ai contenuti