Gebher News - Gebher

cool

Adblock Rilevato

Il nostro Sito si mantiene grazie ai ricavi pubblicitari, per favore Disattiva AdBlock per proseguire la navigazione.

Continua
Vai ai contenuti

Arriva in Italia DJI RoboMaster S1

Gebher
Pubblicato da in Tech · 23 Ottobre 2019
Basta guardare il nuovo RoboMaster S1 e avere l’anima un po’ nerd per capire che questo drone robot terrestre di DJI ha tutte le carte in regola per diventare l'oggetto del desiderio con la O maiuscola.

Un prodotto meravigliosamente tecnologico, un mix di Lego, si costruisce, di gioco, si guida e spara, di intelligenza, si programma. Certo, il prezzo da pagare non è indifferente, DJI chiede 549 euro, ma si può pensare che un corso di Python serio almeno 300 euro li chiede e DJI assicura che con Road to Mastery, il corso a progetto che accompagna S1, è davvero possibile imparare a programmare partendo proprio dalle azioni di base robot. E Python, per chi non lo conosce, è uno dei linguaggi più usati soprattutto in questi ultimi anni, non tanto per il web quanto per il machine learning, dove è il “linguaggio” per eccellenza.



RoboMaster S1, dove S1 sta per “Step 1”, nasce dall’esperienza di DJI nel mondo dei robot. DJI promuove ogni anno una sfida tra università cinesi dove viene chiesto di costruire un robot che poi “combatte” con gli altri, e il piccolo S1 deriva proprio da uno di questi robot. Non è un giocattolo, anche se può sembrarlo, perché permette davvero di approcciare temi non sempre semplici come l’intelligenza artificiale e la robotica.

RoboMaster S1 è tutto da montare, o meglio da assemblare perché alcuni pezzi arrivano già montati, ed è equipaggiato con trentuno sensori: sei di questi sono posizionati sulla corazza intelligente e sono utilizzabili durante le gare, gli altri aiutano nella mappatura dell’ambiente. Nella parte anteriore c’è una videocamera da usare per il visual recognition con machine learning, che può anche inviare lo streaming video all’applicazione; sul “gimbal” che gestisce la camera DJI ha aggiunto un lanciatore di pallini gel con un sensore a raggi infrarossi, indispensabile per una vera “robot wars”.
Il robot si muove su quattro ruote particolari dotate di dodici rulli che permettono un movimento omnidirezionale, spinte da un ponte motore brushless.

S1 non è un prodotto finito e chiuso: oltre ad essere componibile con parti DJI include sei porte PWM e una porta seriale che gli utenti può esperti possono usare per ampliare le possibilità operative. Alla porta s-bus possono essere agganciati non solo telecomandi di terze parti ma anche una development board che può essere programmata con altri linguaggi oltre a quelli supportati dal sistema, Scratch appunto e Python.

Ma cosa si può fare con RoboMaster S1? Imparare a programmare prima di tutto, ma anche giocare. O sfruttare una serie di funzioni uniche che usano la visione visione artificiale della camera integrata. S1 può seguire una linea, può riconoscere fino a quarantaquattro marcatori visivi, inclusi numeri, lettere e caratteri speciali, può identificare e seguire una persona selezionata nel campo visivo della fotocamera e riconoscere il battito delle mani. Quest’ultimo può essere gestito in base al ritmo e al numero di battiti, e anche a riconoscere gesti fisici simili a quelli con cui si può pilotare, solo usando le mani, un drone DJI.
Per chi non vuole sporcarsi le mani con il codice, o comunque vuole prendere una pausa, ci sono anche modalità pensate proprio per la competizione tra robot come “Tiro al bersaglio” e “Corsa al bersaglio”. Ci sono anche modalità multiplayer come “Gara” e “Tutti contro tutti”, quest’ultima che sfrutta lo spara pallini e il “cannone a infrarossi”.
A novembre arriverà anche una nuova feature, Intercom, con S1 che potrà essere utilizzato come interfono. Gli utenti potranno trasmettere clip audio dall'app RoboMaster al robot.

RoboMaster S1 sarà disponibile per l’acquisto a partire da fine ottobre al prezzo di €549. Le novità come la modalità Intercom e MasterBoard, il pannello per seguire i proprio progressi, saranno disponibili a novembre tramite update firmware. Come esiste per i droni un kit “FlyMore” esiste anche un kit PlayMore che include il radiocomando, una scorta aggiuntiva di pallini gel, una batteria di riserva e il contenitore per pallini: sono €169 in più.



Nessun commento
Torna ai contenuti